<img src="http://www.mauriziovetrieditore.com/images/maurizio-vetri-editore.jpg" alt=“maurizio vetri editore” />

CollanaPaginediTeatro/

scheda autore

Titolo: CHIARA quadretti di vita mistica

Sacra rappresentazione in due atti

 

Autore: Gianni Virgadaula

 

Formato: 15x21 cm

brossura

80 pagine

 

Copertina:

Studio Maurizio Vetri

 

 

Prima edizione: Luglio 2018

isbn 978-88-99782-33-7

 

Prezzo di copertina: Euro  12,00

 

 

acquista adesso

Collana/PaginediTeatro/3

Dello stesso Autore nella collana narrativa

Dello stesso Autore nella collana Paginediteatro

 

Chiara

quadretti di vita misica

Introduzione di Giovanni Salonia

 

 

 

È con piacere che presento questo testo del prof. Virgadaula in cui, con rigore scientifico e con afflato poetico, viene presentato il ‘processo a Santa Chiara’ : si tratta di un testo di una bellezza straordinaria per freschezza, genuinità, luminosità. Le testimonianze delle sorelle fanno rivivere la loro meravigliosa esperienza di convivenza con la loro sorella e madre Chiara. Si sente l’affetto, la devozione, l’unzione spirituale. Quel clima di preghiera e di contemplazione che Chiara aveva creato nel suo monastero.

È sempre bello parlare di Chiara, di questa “donna nuova della valle spoletana”, come la definì Alessandro IV nella Bolla di Beatificazione (1255). Ha scritto all’inizio del secolo il Sabatier: “La figura di Chiara non è soltanto una riproduzione di Francesco […]. Si ha l’impressione che lei se ne sia rimasta dietro le quinte, per umiltà. Ma anche gli altri non hanno avuto verso di lei il doveroso riguardo […]. Senza tali reticenze, Chiara si troverebbe oggi fra le più grandi figure femminili della storia” (citato da C. Cargnoni). Un’altra testimonianza, impressionante e certamente al di là di ogni sospetto, è quella di Palmiro Togliatti, il quale tanti decenni orsono, nel primo discorso alle donne comuniste di ritorno in Italia: “Non crediate – disse – che la religione cattolica sia in sé e per sé un elemento di ostacolo alla emancipazione delle donne, tanto è vero che io vi invito a ripensare la storia di Chiara, donna quanto mai autonoma” (raccontato da Miriam Mafai).

 Vediamo alcune di queste “novità” di Chiara che ce ne lasciano intuire la grandezza.

Chiara è l’unica santa non di stirpe regale del XIII secolo: fatto veramente insolito, dato che a quel tempo solo le regine venivano beatificate (Marco Bartoli).

Chiara è la prima donna che ha il coraggio di scrivere una regola. Prima di lei erano gli uomini che scrivevano le regole anche per le donne, ricevendo magari da qualche donna più coraggiosa il rimprovero di non capire fino in fondo le esigenze anche fisiche delle donne (cfr. al riguardo la simpatica lettera di protesta di Eloisa ad Abelardo in Anton Rotzetter). E Chiara ha anche il coraggio di insistere fino in fondo e fino alla fine con i vari Pontefici per l’approvazione della sua regola; la sua fiducia verrà premiata in quanto la sua regola sarà approvata due giorni prima della sua morte.

Chiara ottiene, per la sua costanza e la sua decisione, quello che diventerà il cuore dell’esperienza sua e delle sue sorelle: il “privilegio della povertà assoluta” o, usando la bella espressione di uno dei suoi più stimati biografi attuali, “il privilegio di una vita senza privilegi” (Marco Bartoli). Lo stesso Papa si metterà a ridere di fronte alla richiesta di Chiara e commenterà: “Tutti vengono a chiedermi privilegi e premono per averli, solo tu mi chiedi di non avere privilegi”.

Questa grande fermezza e forza non rendono Chiara dura o non docile, anzi si armonizzano con un’ubbidienza estrema, un’umiltà profonda, una capacità spiccatamente femminile di riconoscere ed esprimere il bisogno che ha di Francesco e della sua presenza. Chiara è, infatti, una donna realizzata a livello umano e di fede, una donna signorile e umile, affettuosa e austera, forte e tenera, figlia, sorella, sposa e madre: Chiara è pienamente donna e pienamente cristiana. Forse per questa ragione Francesco amava chiamarla con il titolo di “donna cristiana”!

 Un’altra caratteristica di Chiara che oggi sempre più emerge è il ruolo determinante che ella ha avuto per Francesco e per i primi tempi dell’Ordine. Appare infatti sempre più evidente che la ricchezza interiore di Francesco, la sua sensibilità, la sua fede non solo si esprimevano nel rapporto con Chiara ma da questo rapporto ricevevano nutrimento, possibilità di maturazione e di espressione. Per cui si rende necessario riconoscere e valorizzare la componente “clariana” della spiritualità francescana, dopo che per secoli è stata sottolineata la dipendenza della spiritualità clariana da quella francescana. Chiara non è rimasta “discepola”, o come Lei usava definirsi, “pianticella” di Francesco, ma è diventata anche sua consigliera, suo punto di riferimento, suo sostegno spirituale. L’episodio di Francesco che chiede a qualche frate e a Chiara preghiera e luce sulla sua vocazione, non è un fatto isolato ma è emblematico di un aspetto centrale della relazione tra Francesco e Chiara. Nel processo di beatificazione di Chiara – una delle fonti più genuine e fresche – si racconta che Francesco invia a Chiara un frate difficile (allora si diceva “pazzo”) e Chiara, tenendolo vicino a sé e pregando per lui, lo guarisce. Scena certamente tenera e delicata che ci fa intuire la necessità di ripensare la presenza e il ruolo di Chiara nell’esperienza di Francesco e dei suoi frati. Forse può anche essere un invito a ripensare la presenza di Chiara nella nostra vita, nelle nostre fraternità: una maggiore conoscenza della sua femminile sensibilità e tenerezza forse renderebbe pure noi più capaci di accoglienza, di delicatezza, di attenzione alle persone.

Papa Giovanni Paolo II, nel famoso originale discorso del 12 marzo 1982 alle Clarisse del protomonastero di Assisi, così si esprimeva: “È veramente difficile disgiungere questi due nomi: Francesco e Chiara”. La leggenda divina di Chiara accanto a Francesco ha influito molto nella Chiesa e nella storia della spiritualità cristiana.

Ritorna l’invito a ripensare la vicenda di Francesco e Chiara come modello della luce e della grazia che raggiunge il rapporto uomo-donna quando è vissuto come dono del Padre nell’ubbidienza alla fede, nella reciprocità di un amore che contempla e non depreda. È un messaggio, cristiano e umano, necessario non solo per noi religiosi e francescani, ma anche per la società che vive il dramma della violenza e del sopruso a partire proprio dal rapporto uomo-donna.

Chiara è maestra di fede e di preghiera contemplativa. Se il cuore della spiritualità di Francesco è la scoperta di Dio Padre di tutti e di Cristo Crocifisso fratello da amare e imitare, Chiara si centra con fedeltà vibrante e appassionata sull’amore nuziale a Cristo. Ella anticipa i temi dell’amore sponsale di Cristo e dell’anima che saranno ripresi da San Bernardo in poi.

L’Eucarestia, la Parola di Dio, la Preghiera sono i cardini della spiritualità di Chiara, le fonti della sua altissima povertà. Per ragioni di tempo, ci limitiamo solo ad alcuni flash, rimandando all’interesse personale o comunitario l’approfondimento.

L’Eucarestia nelle mani di Chiara – lo ricordiamo tutti – diventa forza più forte di ogni esercito che riesce a frenare la forza bruta dei Saraceni. E quella volta in cui il Papa, preoccupato dell’eccessiva frequenza dei frati nel monastero, proibisce di andare a predicare alle suore senza il suo permesso, Chiara con il coraggio e la forza della figlia, esclama: “Ce li tolga tutti, ormai, i frati, dopo che ci ha tolto quelli che ci davano il nutrimento di vita!” (FF 3232). E rimanda dal ministro anche i frati che facevano la questua per le suore, iniziando uno “sciopero della fame” che farà revocare al papa la disposizione. Chiara sa che si può vivere senza pane, ma non senza Parola di Dio!

Le lettere di Chiara ad Agnese mentre rivelano il suo gande rispetto per una sorella che ha lasciato gli onori regali per diventare clarissa, permettono di intravedere qualcosa del sublime e dolce mistero di Chiara per il suo Signore. Scrive ad Agnese: “Colloca il tuo cuore in Colui che è figura della divina sostanza, e trasformati interamente, per mezzo della contemplazione, nella immagine della divinità di Lui. Allora anche tu proverai ciò che è riservato ai soli suoi amici, e gusterai la segreta dolcezza che Dio medesimo ha riservato fin dall’inizio per coloro che lo amano” (FF 2888-2889).

Ringraziamo il prof. Virgadaula per questo suo testo che, con leggerezza esperta e passione delicata, ci offre un ulteriore luogo artistico dove incontrare questa donna, questa Santa, la cui vicinanza – come è avvenuto per frate Stefano – ci guarisce e ci riporta all’amore per Cristo e per i fratelli. Un amore che, come Chiara ha vissuto e insegnato, non vuole altro privilegio che quello della povertà altissima: niente possedere e tutto donare...

 

 

Giovanni Salonia

OFM Cappuccini

 

L'Autore

Gianni Virgadaula è nato a Milano da genitori siciliani.

Regista, scrittore, sceneggiatore, giornalista-pubblicista, si è formato professionalmente a Roma dove ha frequentato la Libera Università del Cinema di Cesare Zavattini.

Ha collaborato con importanti maestri del cinema italiano quali Federico Fellini, Nanni Loy e Pupi Avati.

Conosciuto anche come il “regista dei santi”, ha realizzato diversi docu-film a tema religioso. Tra questi due lungometraggi sulle grandi martiri Agata e Lucia.

Fra i suoi film più apprezzati l’horror Lèmuri, il bacio di Lilith (2009), omaggio al cinema espressionista tedesco, distribuito negli Stati Uniti con il titolo Lilith, a Vampire Who Comes Back. Ed ancora: “La Domenica del Signore” (2013) e “Gelone, la spada e la gloria”(2018).

Studioso del cinema delle origini, fa parte dell’Associazione Italiana per le Ricerche di Storia del Cinema.

Nel 2002 ha fondato l’Istituto Culturale di Sicilia per la Cinematografia – Onlus, che nel 2015 ha portato alla nascita del Museo del Cinema “Pina Menichelli” di cui è direttore.

E’ stato consigliere nazionale dell’Unione Cattolica Stampa Italiana.

Dal 2009 è direttore responsabile del periodico Sicilia Cinema.Sue ultime pubblicazioni Little John, campione di cantina (2000, Firenze libri),  La notte del vino amaro (2011, Edizioni Arianna), Una vita da set (2013, Edizioni Arianna), Charlie e Adolf (2017, Maurizio Vetri editore). I grandi pesi medi, da Jack Nonperail a Marvin Hagler (2017, Edizioni Arianna) Oltre le nuvole (2018, Maurizio Vetri editore)

AREA ACQUISTI

Se vuoi acquistare il volume

"Chiara'

 

Compila i campi a lato e invia

Riceverai una mail di conferma entro 24 ore

Ti preghiamo di inserire il tuo Codice Fiscale per permettere una corretta fatturazione dell'articolo

Prezzo di copertina:   Euro 12,00

Se vuoi velocizzare le operazioni di richiesta e recapito puoi effettuare subito il pagamento con circuito PayPall utilizzando la tua carta di credito.

opzioni spedizione

Costi di spedizione:

 

PAGAMENTO CON CARTA DI CREDITO:

ITALIA:  spedizione standard: Gratuito

Spedizione raccomandata: contributo di euro 2,00

 

BONIFICO BANCARIO:

se si sceglie questa modalità vi verrà inviata una mail con i riferimenti di pagamento

 

ITALIA: spedizione standard: Gratuito

Estero:  spedizione standard Euro 2,00

Spedizione raccomandata: contributo di euro 3,50

 

Hai problemi a inviare un ordine?

Ti preghiamo di inviare una mail all'indirizzo:

 

postmaster@mauriziovetrieditore.com

Obbligatorio

Obbligatorio

Invio del modulo in corso...

Il server ha riscontrato un errore.

Modulo ricevuto.

Obbligatorio

top

top